x

Utilizziamo cookie, inclusi cookie di profilazione di terze parti, per migliorare il funzionamento del sito www.twinings.it e per valutare l'efficacia della nostra pubblicità. Per maggiori dettagli ti invitiamo a leggere la nostra Cookie Policy. È possibile attivare o disattivare alcuni o tutti i cookie in ogni momento, cliccando QUI.
Proseguendo la navigazione, accetti l'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

I COLORI
DEL TÈ

NERO, VERDE, BIANCO… CONOSCI LE DIFFERENZE TRA LE VARIE TIPOLOGIE DI TÈ?

SCOPRI IL TÈ – LA STORIA DI TWINING




Il tè viene classificato in base al colore dell’infusione, che rivela il grado di ossidazione raggiunto dalle foglie e quindi il diverso processo di lavorazione utilizzato.

Esistono diversi tipi di tè: nero, verde, bianco.

Altre due categorie generali, che si differenziano per l’aggiunta di ulteriori elementi alle foglie di tè per arricchire le miscele con aromi e profumi particolari, sono il tè aromatizzato e il tè profumato.

TÈ NERO

Tra le varie fasi del processo di produzione, quella più rilevante per ottenere il tè nero è quella dell’arrotolamento, nella quale il tè viene privato degli oli essenziali.

Il suo infuso è di colore rosso bruno, l’odore è delicato ed il gusto meno astringente di quello del tè verde.

Originariamente il tè nero era prodotto solo in Cina, oggi in tutto il mondo e soprattutto in India e Ceylon.

TÈ VERDE

Il tè verde viene sottoposto a un processo leggermente differente da quello del tè nero. Le foglie, infatti, mantengono il loro originario colore verde perchè non vengono sottoposte al processo di fermentazione; la lavorazione consente di inibire la naturale ossidazione attraverso un processo di appassimento svolto ad una temperatura di 45-50°C.

Le foglie, che rimangono verdi, daranno il tipico infuso giallo oro, dal forte odore aromatico e dal gusto astringente e leggermente amaro. Oggi la maggior parte del tè verde proviene dalla provincia di Zhejiang, nella parte orientale della Cina.

TÈ BIANCO

È il più raro e ricercato, viene raccolto una sola volta all’anno. Questo tè è prodotto utilizzando esclusivamente la prima gemma e la foglia più alta della pianta del tè, sbocciata nella nuova stagione. Il tè viene fatto appassire e successivamente asciugato.
Il tè bianco prende il suo nome dalla sottile peluria bianca che ricopre la prima gemma.
E’ un tè dal colore molto pallido, con un gusto leggero e delicato. Da intenditori.

TÈ PROFUMATO

Si ottiene attraverso l’aggiunta di petali e boccioli di fiori tra le foglie di tè durante la fase di lavorazione.

Il tè assorbe il profumo dei fiori che vengono poi eliminati.

Un esempio è il Jasmine Green Tea.

TÈ AROMATIZZATO

Alle foglie vengono aggiunti oli essenziali, frutti e fiori polverizzati, che rimangono all’interno della miscela conferendo il loro aroma al tè.
Ne sono esempi tutti i tè neri e verdi aromatizzati come il Orange Green Tea, tè verde aromatizzato all’arancia o il Wild Berry Tea, un tè nero aromatizzato con more, lamponi, fragole e ribes.